Menu sport


“Sono andato davvero forte”. E’ la prima istantanea con cui Mauro Cesari fotografa la sua ultima prova mondiale sul circuito di Vallelunga. “Non sono io a dirlo, bensì è stato l’ingegnere ufficiale della Maserati che mi ha fatto i complimenti”. Perché, con le ultime modifiche apportate alla sua Maserati Quattroporte, sarebbe stato impossibile fare meglio: “La macchina aveva un balance tutto nuovo. Sono andato molto bene in gara 1, poi in gara 2 ho perso qualche posizione a causa della pressione delle gomme sbagliata. Tutti e due i giorni, comunque, ho girato con gli stessi tempi di Fisichella”. Che per l’occasione Cesari si è trovato come compagno di squadra allo Swiss Team: “Herbert, Salo, Fittipaldi, Klein e poi Fisichella, che negli ultimi due mesi aveva girato con la F1 e che correva in casa: sono tutti professionisti. Mi sono trovato sempre bene, è dura misurarsi con loro, ma anche una grande esperienza”. Vallelunga e i suoi 33000 spettatori complessivi hanno restituito al mondiale Superstars un Cesari davvero carico: “Sono molto contento di come sono andate le cose. Inizio a sentire la macchina. Avevo avuto buone possibilità di guida solo al Mugello ed infatti sono state le mie due gare migliori”. Il viatico giusto per approcciare alla prossima tappa, il 28 sul circuito siciliano di Pergusa.



Commenti