Menu sport


(stefano gobbi) – La Clitunno si qualifica per le semifinali di Coppa Italia di Promozione battendo al Conte Ròvero il Massa Martana.

La partita inizia con gli ospiti alla ricerca del gol per riaprire nei primissimi minuti la questione qualificazione. La chance di andare subito in vantaggio il Massa ce l’ha all’11’ minuto con un calcio di rigore ottenuto per fallo di Campana su Giuntini. Manni va alla battuta e calcia centralmente con Cimarelli che respinge con i piedi e come un gatto riprende il pallone soffiandolo proprio a Manni. Persa la chance, la partita s’addormenta. Demerito anche della Clitunno che sembra abulica e costruisce poco.

Nella ripresa i consigli dello spogliatoio migliorano l’intraprendenza della Clitunno. Al 3’ la prodezza di Gjinaj su punizione sembra spezzare l’indolenza dei primi 45’ minuiti di gioco. La punizione attraversa una selva di gambe e finisce in rete con l’Assistente Proietti che sbandiera un fuorigioco ai più apparso incomprensibile visto che sul primo palo della porta massetana c’era un giocatore rossoblù.

Finite le proteste, la Clitunno riprende spingere. Al 21’ Kerjota va sul fondo a destra, si ferma e serve all’indietro al vertice dell’area, Gjinaj che controllata la palla, converge al centro e dal limite in posizione centrale fulmina Tamburini nel suo angolo basso sinistro. La Clitunno ci crede anche se il Massa senza grande forza in fase offensiva cerca di contrastare le manovre bianco-azzurre.

Al 26’ Boraschini si produce in una percussione incredibile, salta l’uomo e crossa in area. Sul primo palo Gjinaj tocca appena di testa e prolunga la traiettoria della palla sulla quale (appostato sul secondo palo) si catapulta Salvucci che di testa mette in rete.

La partita formalmente finisce qui anche se al 31’ Angeli su imbeccata di Manni entra in area a destra e mette in rete nell’angolo opposto.

Per la Clitunno questa vittoria è un buon viatico per far bene in campionato. Per il Massa ci sono invece problemi per il campionato visti gli infortuni muscolari di Manni ed Angeli che hanno costretto la squadra a terminare in 9 uomini avendo già fatto le 5 sostituzioni consentite.

CLITUNNO – MASSA MARTANA 2-1 (0-0)

CLITUNNO (4-3-3): Cimarelli; Lucentini (41’st Pinchi), Rosi, Bucciarelli, Campana; Santoni (29’st Scarabottini), Salvucci (32’st Cuna), Cavadenti; Kerjota (24’st Conti), Boraschini (37’st Scavazza), Gjinaj. A disp.: Mariani, Mesca. All.: Giusti

MASSA MARTANA (4-1-4-1): Tamburini; Neri (33’st Dimitri Ferrante), Bertoldi, Alabastri, Pugnali; Marrano; Giuntini (17’st De Santis), Vichi, Monaco (8’st Angeli), Maxim Ferrante (29’st Woroniecki); Manni. A disp.: Tagliavento, El Bouhali, Seny Mbaye, Montecchiani. All.: Proietti

ARBITRO: Anelli di Terni. (Quaranta, Proietti)

RETI: 21’st Gjinaj, 26’st Salvucci, 31’st Angeli

NOTE: 11’pt Manni si fa parare un rigore. Ammoniti: Scavazza, Scarabottini, Pugnali, Bertoldi, Angeli. Il M. Martana finisce in 9 per gli infortuni di Manni e Angeli



Commenti