Menu sport


Olimpiadi verso il rinvio? È l’ipotesi presa in considerazione nelle ultime ore sia dal Cio, nella persona del Presidente Thomas Bach, sia dal Premier giapponese Shinzo Abe che proprio oggi ha espresso dubbi sulla possibilità di organizzare l’evento nelle date prevista (dal 24 luglio al 9 agosto). L’unica certezza per il momento è che i giochi olimpici di Tokyo non saranno annullati e tra le date più probabili per il rinvio il Cio prende in considerazione, almeno per il momento, due ipotesi dal 25 agosto al 6 settembre, oppure dal 9 al 25 ottobre, ma c’è chi propone di posticipare di un anno.

Se tanti atleti azzurri sono alle prese con l’annullamento delle gare internazionali valide per la qualificazione, la spoletina Agnese Duranti (foto) e le altre Farfalle della Ginnastica Ritmica hanno già il pass per Tokyo e nonostante l’emergenza Coronavirus proseguono la preparazione a Desio in piena zona rossa.

La parola d’ordine però è “clausura” con le atlete della nazionale che si dividono tra hotel e centro tecnico di Desio dove continuano ad allenarsi 9 ore al giorno senza avere contatti con nessuno.

“Viviamo tra hotel e palestra – spiega Agnese Duranti nell’intervista di Daniele Cervino pubblicata dal quotidiano La Nazione il 19 marzo –  siamo sole in un hotel a 4 stelle, mangiamo a distanza di sicurezza, per andare in palestra utilizziamo le auto, massimo due persone a vettura. Usciamo con la certificazione per andare a lavoro, poi rientriamo in albergo, abbiamo tutte la mascherina ed i guanti. Continuiamo ad allenarci rispettando le norme. Siamo professioniste dobbiamo mantenere alta la concentrazione.”

Al momento però l’unica certezza per le Farfalle rimane la qualificazione olimpica. Il programma delle competizioni internazionali infatti a causa dei Covid19 è un’incognita. Sono già state annullate più di una tappa della Coppa del Mondo le gare Challenge, un’amichevole, l’Europeo previsto a kiev alla fine di maggio. Lo staff tecnico della DT Emanuela Maccarani quindi è già stato costretto a rivedere il programma degli allenamenti. Programma che a questo punto potrebbe essere ulteriormente rivisto se il Cio decidesse di rinviare l’olimpiade. Una decisione che a quanto pare dovrebbe comunque arrivare entro la fine di aprile.

“Le olimpiadi ci fanno andare avanti, – afferma ancora Duranti –  per ora si faranno e vogliamo farci trovare pronte e perfette qualunque cosa succeda. Tutte le competizioni sono state cancellate fino a giugno non ci saranno gare e lavorare senza obiettivi vicini non è facile, ma stiamo bene e vogliamo regalarci un altro sogno.

 



Commenti