Menu sport


Si potrebbe sbloccare entro breve l’impasse sul bocciodromo del parco Chico Mendez. Bocce o boxe? A quanto pare il destino del bocciodromo, che fino al maggio scorso era gestito dalla bocciofila I Giardini, potrebbe cambiare la destinazione d’uso o meglio, pur rimanendo comunque sede di attività sportiva, potrebbe cambiare sport, sempre che il comune non si inventi chisà cosa.

Ma partiamo dall’inizio dopo la revoca della gestione alla società I Giardini l’amministrazione ha deciso di avviare lavori di riqualificazione dell’impianto per circa 40mila euro. Lavori che al momento non sono ancora iniziati, ma che sono comunque stati appaltati.

L’intenzione dell’amministrazione era quella di affidare il bocciodromo “restaurato” alla bocciofila Città di Spoleto, che attualmente pratica la propria attività tra Montarello e San Giacomo. La società del Presidente Bruno Nemmi aveva già dichiarato di non aver intenzione di tornare al Chico Mendez e sembrerebbe che la rinuncia a gestire l’impianto sarebbe stata confermata anche in una recente riunione tenutasi in comune.

Nel frattempo però la società Boxe Spoleto, che da circa nove mesi si trova senza palestra, ha presentato al Comune il progetto “Genti e Generazioni”, che prevede la realizzazione di un centro sportivo-sociale con altre discipline come gli scacchi. Della proposta avanzata all’ente dal Maestro Gianni Burli ha parlato ieri in consiglio comunale anche la rappresentante di Fratelli d’Italia Paola Vittoria Santirosi, invitando la giunta a prendere in seria considerazione il progetto. Dall’amministrazione e dal consigliere con delega allo sport Massimiliano Montesi non è arrivata alcuna risposta.

Ora quindi la parola sul futuro del bocciodromo del Chico Mendez passa alla giunta, che dovrà esprimersi sul progetto presentato dalla Boxe Spoleto.



Commenti