Menu sport


(stefano gobbi) – Non c’è partita al Capitini nel recupero della nona giornata tra le formazioni juniores della Ducato e della S. Marco Juventina. La squadra perugina regge solo 10 minuti e poi cade sotto l’irruenza di un Toppo in grande spolvero e di una squadra tonica che ha mostrato anche buoni momenti di gioco.

Al 10’ una percussione sulla destra della formazione di casa è chiusa da Radi con un cross perfetto per Toppo che, solo, batte il portiere avversario. Di reti il fuori quota di casa ne segna altre due entrambe su rigore. Al 14’ del primo tempo penalty concesso per un fallo di mano di Chouiki e al 30’ della seconda parte di gara in seguito all’atterramento in area dello stesso giocatore giallo-verde-blu.

Completano le marcature: Msael (al 35’st) con un tiro dal limite che prende velocità a causa del terreno bagnato; Calà Lesina che mette in rete un cross di Maggiolini da destra e Silvestrini che fotocopia la precedente prodezza del compagno Msael e dal limite mette alle spalle del portiere avversario.

Con questa vittoria la formazione spoletina conquista il quinto posto in classifica generale (16 punti) e sabato farà visita al Campitello secondo in graduatoria (19 punti) in coabitazione con Narnese e Baldaccio Bruni ad un punto di distacco dal Foligno solitario in vetta.

DUCATO – S.MARCO JUVENTINA 6-0 (2-0) – angoli 3-2 (1-1) – recuperi: 0’ e 4’

DUCATO: Loretoni; Stefano Stella (33’st Calà Lesina), Joshua Stella (20’st Silvestrini); Zeppadoro, Radi, Bradley; Meniconi (14’st Maggiolini), Sabatini, Tardocchi (9’st Msael), Toppo (30’st Biccheri), Panico. A disp.: Nemmi, Scaramucci, Santi, Mosconi. All.: Luca Patarini

S. MARCO J: Mazzei (30’st Passeri); Chouiki, Villamarce (38’st Vritoni); De Rosa, Ambrosi, Moudzetadyouo (20’st Mazzacuri); Boudrouss, Paoletto, Ndiaye, Kuelo (14’st Furiani), Acosta (41’st Giagoia). A disp.: Boubia. All.: Fausto Frittelli

ARBITRO: Viktor Gjuoroski di Foligno

RETI: 10’pt, 14’pt (rig), 30’st (rig) Toppo, 35’st Masael, 46’st Calà Lesina, 48’st Silvestrini

NOTE – ammoniti: Ambrosi, Boudrouss



Commenti