Menu sport


da La Nazione del 14/03/2019 – Ancora un’ordinanza di demolizione per Circolo Tennis Montarello, ma l’avvocato annuncia l’ennesimo ricorso al Tar. Sembra non avere fine la vicenda che riguarda i manufatti ritenuti abusivi già dal 2014 e già oggetto di più di un’ordinanza di demolizione, emessa dal comune di Spoleto, per la violazione del regolamento edilizio. L’atto pubblico, a firma del comandante della polizia Municipale Massimo Coccetta, che ordina il ripristino dei luoghi, è stato già notificato al Circolo Tennis Montarello lo scorso 7 marzo ed arriva insieme a quello riguardante gli abusi edilizi rilevati alla pista di ruzzolone, notificato ai responsabili nello stesso giorno.

Entrambi i procedimenti che portarono i tecnici comunali ad accertare la presenza di alcuni manufatti abusivi sono scattati nel 2013 ed entrambe le società sportive (Asd Circolo Tennis Montarello e Asd Ruzzolone Spoleto) hanno già presentato una prima volta, invano, ricorso al Tar. La seconda ordinanza di demolizione, indirizzata al circolo Tennis Montarello, è giunta alla fine del 2017, ma in seguito ad un sopralluogo avvenuto a fine 2018 i tecnici del comune hanno rilevato ancora la presenza di vari manufatti ritenuti abusivi e quindi è stata messa una terza ordinanza, che fissa in 90 giorni i termini per il ripristino dei luoghi. I manufatti ritenuti abusivi e quindi da demolire sono un portico in legno, due costruzioni in lamiera ed un campo da tennis su tre, quello costruito più di recente.

“Oggi ci incontreremo con il nostro avvocato – afferma Stefano Proietti, Presidente del Circolo tennis Montarello, che conta oltre 100 soci – per capire come procedere. L’ordinanza di demolizione arriva in seguito ad un esposto, ma siamo fiduciosi di poter trovare una soluzione per salvare almeno il campo da tennis.”

Il legale dell’associazione sportiva Gaetano Puma annuncia in anticipo che l’ordinanza sarà nuovamente impugnata davanti al Tar. In via precauzionale, il legale potrebbe anche richiedere provvisoriamente la sospensiva dell’atto pubblico. Gli abusi edilizi oltre alla pista di ruzzolone e al circolo tennis Montarello furono rilevati anche nella vicina bocciofila. In questo caso però non è stata emessa una ulteriore ordinanza di demolizione perché sulla vicenda si attende ancora il pronunciamento del Tar.

A seguire la causa è sempre l’avvocato Gaetano Puma che ora spera di poter chiudere positivamente anche la questione relativa al circolo tennis, evitando la demolizione del campo.

 

 

 

 

 

 



Commenti