Menu sport


di DANIELE ROSSI – Torna a muovere la classifica la Superga di Mister Mollaioli, che tra le mura amiche si impone sul Grifo Sigillo per 1-0 in una gara condizionata dalle pesanti squalifiche che hanno reso la panchina corta. L’autore del goal-vittoria è Celesti, che in un’azione concitata in area sfrutta al meglio l’assist di Buccioli sul secondo palo gonfiando la rete con un’incornata.

Partono bene i locali con Alessandro Gramaccioni che ruba palla sulla fascia destra, si accentra e smista per Artan Gjata alla sua destra che colpisce male spedendo fuori. Al 10’ gli ospiti rispondono con Giordano Monarchi che riceve in area un preciso lancio lungo ma Casini effettua un gran bel recupero e sventa la minaccia mettendo in angolo. Due minuti dopo Francesco Gramaccioni su punizione dalla trequarti mette un buon pallone sul secondo palo sul quale però non arriva nessuno e si spegne sul fondo. Al 19’ la Superga è costretta a sostituire Casini, che abbandona il campo per infortunio andandosi ad aggiungere alla già lunga lista degli indisponibili. A prendere il suo posto è Ciamarra, che in diverse occasioni si è reso protagonista, insieme al portiere Spiccia, di interventi importanti nelle retrovie. La partita scorre senza troppi acuti fino al 40’, quando su corner Skerdi Cumani riceve sul secondo palo e spizza dall’altra parte per Ferranti, il quale però non ci arriva e la difesa ovvia. In chiusura la Superga ci prova prima con Celesti, che su assist di Radici si coordina sul limite e manda al lato di poco, poi con Artan Gjata, che sul fondo dell’area salta due uomini e mette al centro un cross basso allontanato da Farnetti in tuffo.

Al 1’ Skerdi Cumani si divora un’occasione ghiotta con un impreciso tiro da due passi che si spegne di gran lunga sul fondo. Al 6’ è invece Sebastiano Bazzucchini a provarci, il quale dal limite dell’area piccola si gira e calcia ampiamente fuori. Al 15’ assistiamo ad un’azione da manuale della Superga con passaggi rapidi ed efficaci che permettono alla squadra di Mollaioli di arrivare in area ospite; qui Radici pennella per Celesti che si avventa sulla sfera stampandola con potenza sul secondo palo. Al 23’ però Celesti si fa perdonare portando i suoi in meritato vantaggio con un bel colpo di testa da due passi durante un’azione concitata in area su assist di Buccioli. Al 31’ i locali provano a chiuderla con Alessandro Gramaccioni, che servito da Alban Gjata sul limite si coordina ma calcia fuori. Al 39’ il Sigillo guadagna una punizione dalla trequarti; ad incaricarsi della battuta è Cristiano Bazzucchini che manda la palla altissima sopra alla traversa. La Superga gestisce bene il vantaggio e non concede grandi occasioni agli avversari, e a nulla vale l’abbondante recupero concesso dal Signor Tavoletta.

Superga 48 – Grifo Sigillo 1-0

Superga 48: Spiccia; Casini (19’pt Ciamarra), Buccioli, Parmegiani, Proietti; Francesco Gramaccioni, Radici (35’st Perrotta), Alban Gjata; Celesti, Alessandro Gramaccioni, Artan Gjata (10’st Balzamo). A disposizione: Galli, Jona. Allenatore: Mollaioli.

Grifo Sigillo: Farnetti; Bartocci (39’st Menichetti), Cristiano Bazzucchini, Gambini (30’st Daniele Monarchi), Luciani; Giacomini, Skerdi Cumani (19’st Vagnarelli), Ferranti; Calzuola, Sebastiano Bazzucchini (26’st Aleks Cumani), Giordano Monarchi. A disposizione: Bocci, Tognoloni, Kabraoui, Marchi. Allenatore: Nuti.

Arbitro: Sig. Tavoletta della Sezione di Terni.

Marcatori: 23’st Celesti (S).

Note: espulso Kabraoui (G) per proteste al 38’st.



Commenti