Menu sport


Se l’emergenza Coronavirus ha fermato tutto il mondo dello sport in generale ci sono comune alcuni atleti che possono comunque continuare ad allenarsi. Tra questi ad esempio ci sono i nuotatori perché come previsto dal DPCM del 9 marzo

“Gli impianti sportivi sono utilizzabili, a porte chiuse, soltanto per le sedute di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI) e dalle rispettive federazioni, in vista della loro partecipazione ai Giochi Olimpici o a manifestazioni nazionali ed internazionali.”

La Fin identifica come atleti di interesse nazionale “tutti gli atleti tesserati che abbiano partecipato nel 2019 o abbiano già ottenuto la qualificazione ad un Campionato Nazionale in una disciplina federale in qualsiasi categoria d’età, ad esclusione delle categorie Esordienti e Master.

In casa Spoleto Nuoto l’unico che continua ad allenarsi è Gianluca Andolfi, che grazie anche agli ultimi risultati ottenuti ai regionali è stato inserito nel gruppo degli azzurri che continuano la loro preparazione alla piscina del centro di prepazione olimpica dell’Acqua Acetosa di Roma, messa a disposizione dal Coni. Andolfi per il momento si è trasferito a Roma a proprie spese.

Secondo le disposizioni governative e federali potrebbero continuare ad allenarsi anche tutti i ragazzi che hanno strappato il pass per i campionati italiani giovanili, Angelica Gori, Lavinia Cagnoni, Vittoria Tiburzi, Paolo Persichetti, Alessio Mancini e Simon Pietro Pizzoni. La piscina comunale però rimane chiusa ed i costi per far allenare sei ragazzi non sono sostenibili.

Come ben noto la Fin ha annullato tutti gli eventi nazionale a partire dagli assoluti di Riccione che sarebbero dovuti iniziare il 17 marzo. Annullati naturalmente anche i Criteria che sarebbero dovuti iniziare il 3 aprile sempre alla piscina di Riccione.

Il Tecnico della Spoleto Nuoto Piero Santarelli comunque si vuole complimentare con tutti i ragazzi della squadra che autonomamente per quanto possibile continuano a mantenersi in forma con esercizi in casa e corsa all’aperto.

 



Commenti