Menu sport


Grazie all’intervento della Pol Pen che si è accollata le operazioni di manutenzione lo Stadio Comunale è tornato a disposizione della città. L’inaugurazione ufficiale dell’impianto sportivo era prevista per sabato 5 ottobre con il triangolare “Diamo un calcio all’illegalità” saltato a causa della vicenda che è costata la vita a due agenti di polizia.

Come è ben noto in estate l’amministrazione comunale ha revocato la convenzione per la gestione dell’impianto allo Spoleto Calcio ed in via provvisoria, in attesa del bando pubblico, lo ha affidato alla Pol Pen che come previsto dal regolamento dell’ente potrà comunque metterlo a disposizione anche di altre società applicando le tariffe comunali.

A questo punto in molti si domandano se lo Spoleto, pur non essendo più il gestore dello Stadio potrà comunque tornare a giocare al Comunale, pagando regolarmente l’affitto, ma soprattutto se la società ha intenzione di tornare a Spoleto. Un eventuale ritorno a casa, magari anche per gli allenamenti, potrebbe consentire alla società di risparmiare comunque risorse economiche (in primis quelle per i trasporti), ma soprattutto faciliterebbe la vita dei giocatori dello staff tecnico e degli stessi tifosi costretti ogni domenica a spostarsi per seguire la squadra del cuore.

Per il momento comunque non se ne parla assolutamente e domenica prossima i biancorossi di Mister Cristiano Gagliarducci scenderanno in campo ancora al Palmieri di Bevagna nella gara contro l’Assisi/Subasio valida per la 7^ giornata del campionato di Eccellenza.

La problematica legata al campo da gioco riguarda anche la squadra Juniores che sabato per la 5^ giornata del girone C dovrebbe ospitare la Julia Spello. Come avvenuto già nella 3^ giornata contro il Bevagna i dirigenti biancorossi sono pronti a chiedere ancora l’inversione del campo.

 

 



Commenti