Menu sport


(stefano gobbi) – La Ducato domenica scorsa ha cambiato passo e mosso la classifica. Mister Brevi poco ha potuto fare in tre giorni di allenamento ma il semplice schieramento 4-4-2 ha rigenerato un reparto mediano dandogli maggiore equilibrio e più personalità al momento di costruire il gioco.

Per carità nessun miracolo. Brevi ha interpretato la difficoltà del momento e coperto maggiormente la fase difensiva.

Nella precedente gestione la filosofia era diversa. Puntava all’offensiva ed al gioco d’attacco. Peccato che con Narnese e Trasimeno la squadra abbia sbagliato troppe azioni gol e subìto in maniera cinica le ridotte offensive avversarie.

Per salvare capra e cavoli Brevi ha sistemato lo scacchiere tattico nella maniera più conosciuta e coperta d’Italia. La squadra ha dato segni di miglioramento. Ora è necessaria la verifica ma a S. Sisto la partita sarà di quelle difficili. I perugini sono in una posizione di metà classifica ma il distacco dai play-out è minimo per cui gli esiti dell’incontro saranno quasi condizionanti il futuro delle due squadre.

Brevi si è già espresso circa la partita di domenica: “Non conosco bene la categoria, devo capire qual è il livello. Ho iniziato a visionare del materiale sugli avversari. La mia mentalità rimane quella del calciatore. Quando scendevo in campo conoscendo le caratteristiche degli avversari ero sicuramente più sicuro. Non si può prescindere dal conoscere l’avversario, farlo facilita le cose”.

E’ facile ipotizzare uno studio attento della squadra allenata da Michele Riberti. Domenica tutti i giocatori della Ducato sapranno come arginare la forza della squadra avversaria

La probabile formazione: Carsetti; Skana, Pazzogna; Ammenti, Raspa, Romani; Moretti, Piantoni, Kola (Cardarelli), Giuliacci, Cavitolo



Commenti