Menu sport


Se fino a tre mesi fa i tifosi dello Spoleto sognavano un finale di stagione al fotofinish con il Foligno per la vittoria del campionato, ora devono iniziare a guardarsi alle spalle perché la distanza con l’ultima squadra dei play out (Massa Martana) si è ridotta ad appena 9 punti.

A 6 giornate dal termine della stagione, gli uomini di Mister Alessandro Cavalli occupano ancora il 5° posto in classifica, ma ad oggi, vista la distanza di 10 punti con la 2^ della classe Lama, (prossimo avversario dello Spoleto) i play off non si disputerebbero.

Dopo un grandissimo girone di andata, culminato con la vittoria nel derby contro il Foligno, che ha permesso comunque al tecnico spoletino Alessandro Cavalli di riscrivere la storia, la squadra già dalla seconda giornata del girone di ritorno ha imboccato la discesa e dopo la vittoria del 23 dicembre contro l’Angelana ha collezionato appena 3 pareggi, l’ultimo dei quali il 3 febbraio contro il Massa Martana. Nelle ultime 4 partite sono arrivate ben 4 sconfitte.

Ad influire sui risultati negativi sono stati sicuramente i vari infortuni e le assenze della prima fase del ritorno, poi la partenza di Falconieri ed una serie di problematiche interne che hanno portato più di una volta il tecnico a paventare l’ipotesi di rassegnare le dimissioni. Alla vigilia del derby poi la nota vicenda dell’ufficialità delle dimissioni, poi l’intervento della società con Cavalli che è comunque rimasto in panchina. Il morale della squadra è andato via via calando ed anche domenica, nel derby contro la Ducato, la reazione non c’è stata e quegli stessi tifosi che avevano gioito per la vittoria contro il Foligno sono stati costretti a lasciare gli spalti del Capitini a testa bassa.

All’amarezza dei tifosi si aggiunge quella dei genitori dei ragazzi della Juniores che nel finale di stagione speravano di trovare un po’ di spazio in prima squadra. La società invece di premiare chi comunque durante l’anno ha continuato ad allenarsi con costanza e serietà ha preferito tornare sul mercato e tesserare un ulteriore giocatore over.

Vista la situazione venutasi a creare è chiaro che ora l’obiettivo principale rimane la salvezza e per ottenerla sarà indispensabile racimolare ancora qualche punto. Dopo il Lama i biancorossi dovranno giocare in casa ancora con la Pievese, ultima in classifica, e con la Narnese. Trasferte ad Ellera e Castel del Piano prima della chiusura a Foligno in un derby che con molte probabilità sarà solo la passerella finale per i falchetti.

Se la situazione in campo non è delle migliori, anche quella societaria rimane al palo e rispetto al mese di settembre nulla è cambiato. Ad oggi il Presidente dello Spoleto Calcio rimane Riccardo Ciambottini, ma a quanto risulta non esisterebbe ancora un nuovo consiglio di amministrazione. Tutti i dirigenti che hanno tirato avanti la stagione infatti non fanno parte del consiglio direttivo della società. Inizialmente era stata prospettata la fusione con la Giovani Europei del Presidente Luca Filipponi, ma al momento su questo fronte non ci sarebbero conferme. La finestra federale comunque per effettuare questo genere di operazioni si aprirebbe nel mese di maggio. Al momento non è dato sapere quale sia stato l’esito dell’accertamento fiscale da parte della Guardia di Finanza, ma è certo che la società dovrà comunque far fronte alle vertenze federali presentate da più di un allenatore. Sul fronte degli stipendi la dirigenza ha comunque provveduto a pagare la quinta mensilità.

Da non sottovalutare inoltre la questione legata alla gestione dello stadio Comunale. Su questo fronte Roberto Damaschi avrebbe pronto un progetto per riqualificare l’impianto, ma è chiaro che prima di avviare ogni genere di intervento sarà importante chiarire quale sarà il futuro della società.



Commenti