Menu sport


(s.g.) – Lo sport è in stand by ma non si ferma la generosità degli sportivi che pur rispettando l’invito a stare a casa e a malincuore accetta il fermo del proprio sport preferito, non dimentica chi sta soffrendo.

C’è chi ha devoluto i rimborsi per partite non viste o chi, grande campione, ha devoluto parte dei propri guadagni. Nel nostro piccolo parliamo di ragazzi spoletini che pur non possedendo un vero e proprio stipendio hanno devoluto alla solidarietà i proventi del loro gioco preferito nei fine settimana: il Fantacalcio.

Così lo ‘stop forzato’ ha permesso ai ragazzi di versare a chi adesso ha necessità le quote che avrebbero impegnato nel loro gioco preferito. Non è importante conoscere l’importo quanto avere ancora una volta conferma che piccoli gesti uniti formano una grande solidarietà e se a farlo sono i nostri giovani, la cosa ci riempie il cuore.

Le quote del gioco del mese di marzo che non è stato possibile impegnare, sono state devolute all’Ospedale di Bergamo. Un plauso al gesto che vuol dimostrare la vicinanza con chi sta soffrendo.

Questo è il gruppo: Nicoló Desideri, Matteo Solani, Luca Scarabottini, Leonardo Montanari, Matteo Meriggioli, Alberto Simoneschi, Marco Sartini, Lorenzo Rancani, Pietro Piersigilli, Giulio Rossi, Matteo Corvi, Alessandro Cruciani, Tommaso Benedetti, Andrea Tiriaca, Tommaso Graziani, Cesare Faioni.

 



Commenti