Menu sport


Un ex stavolta col viaggio Campello – direzione S. Giacomo per poter essere un tecnico (preparatore dei portieri) lui che a quel ruolo ha dedicato i suoi sogni, le sue vittorie e le sconfitte. Un ruolo che ama (vedi foto del rigore parato a Baldelli il 15 dicembre 2008) e prova a far amare anche ad altri: i giovani che crescono. È Andrea Felici (5 agosto 1983) una vita alla Clitunno come portiere con cui ha anche disputato l’Eccellenza e oltre 327 partite in maglia bianco-azzurra. Abita a Campello lì vicino a quella piazza della frazione La Bianca (sede del municipio) in cui per anni la sera con gli amici si è parlato di calcio e scambiato i sogni da giocatori di calcio. Tanti ricordi!È ovvio che 12 anni non si dimenticano facilmente soprattutto se hai indossato per così tanto tempo la maglia della squadra del tuo paese

Persona più indicata di te a parlare del match Ducato – Clitunno finale di Coppa di domenica prossima al Blasone di Foligno, non c’è. Al fischio d’inizio dove sarà il tuo cuore? Che ricordi passeranno davanti alla tua mente?

Il derby in finale di Coppa credo che sia motivo di orgoglio per due società dello spoletino che comunque nel corso del tempo (la Clitunno da più anni) hanno dimostrato e dimostrano con ottimi risultati che a questi livelli si può fare calcio per bene con gente del posto (giocatori, staff e dirigenti) e soprattutto senza spendere cifre esorbitanti!

È ovvio che prima durante e dopo il fischio d’inizio il mio cuore sarà in campo con i “miei” giocatori”

Questo Ducato- Clitunno è solo un derby oppure il risultato di un calcio spoletino che finalmente rialza la testa? Eppure non si fanno pazzie in termini di budget. Mi parli delle due squadre? La squadra che vincerà la Coppa cosa avrà in più dell’altra squadra?

“La Clitunno è un ottima squadra sotto tutti i punti di vista, probabilmente me la sarei aspettata un po’ più in avanti in classifica forse qualche passo falso di troppo durante il girone d’andata ma nelle ultime due giornate ha conquistato 6 punti importanti… Ducato squadra rinnovata rispetto allo scorso anno i nuovi innesti sono andati a completare un gruppo già forte e i risultati si sono visti…. peccato il Foligno”

Quali sono secondo te i punti di forza della Clitunno e della Ducato?

Come dicevo sopra Clitunno squadra forte soprattutto dal centrocampo in su, basta vedere i giocatori che ha: Cavadenti (entrambi: sia l’esperto Giuseppe che il giovane Lorenzo), Calamita, Candelori etc…giocatori di tutto rispetto per la categoria. Noi (Ducato) abbiamo costruito qualcosa di importante “all’interno” dello spogliatoio, un gruppo di uomini veri prima che giocatori eccezionali, i risultato lo dimostrano”

Chi vincerà?

“Credo che una finale a qualsiasi livello e categoria sia una partita particolare ti giochi tutto in 90 minuti e non ci sono esami di riparazione, è per questo che secondo me l’aspetto mentale farà la differenza, chi avrà più fame di vittoria alzerà la Coppa …. di certo noi siamo molto affamati”.

Si è vero giocatore della Clitunno, preparatore dei portieri alla Ducato e domenica sera in piazza a La Bianca comunque si festeggerà. Tra amici non può che essere così.



Commenti