Menu sport


In testa al girone perugino degli Allievi Provinciali c’è il Trevi del tecnico spoletino Davide Placidi. Con l’intero girone di ritorno da giocare i piedi restano ben piantati a terra ma al giro di boa il gruppo diretto da Placidi può vantare uno score da almanacco, con sette vittorie, due pareggi e il fatto di essere l’unica squadra ancora imbattuta delle undici in lizza. Per l’emergente allenatore 34enne, così, prosegue il percorso di crescita, cominciato al Ducato con gli Esordienti, il secondo posto Giovanissimi Sperimentali 2014/15 e la Juniores 2015/16 e proseguito l’anno scorso a Foligno.

Quest’estate la chiamata della rinnovata società di Trevi con cui ha deciso di intraprendere questa nuova cavalcata. “Mi è stato chiesto di far crescere questo gruppo di Allievi, ero molto incuriosito visto che si trattava di una fascia di età con cui non avevo mai lavorato. Con la società mi sto trovando molto bene, l’ambiente è ideale per poter lavorare: c’è tranquillità, organizzazione, i ragazzi sono seguiti con attenzione. La società ha ricominciato dalla scuola calcio e sta registrando numeri importanti ed ha avviato la collaborazione col Perugia Academy”.

Il gruppo, che a inizio anno era tutto da plasmare, sta andando decisamente oltre le attese. La prima chiave su cui Placidi lavora è l’atteggiamento: “La cosa che mi piace di più è che la squadra gioca con fiducia, coraggio, rischia la giocata senza timore, produce tanto. Questa seconda me è l’essenza del settore giovanile, sviluppare tecnica e tattica individuale, la fantasia e affidarsi meno al tatticismo. Secondo me dovrebbe essere così sin dalla scuola calcio dove si va a fare un lavoro delicato e si deve essere preparati sull’aspetto educativo: si dovrebbe ritornare alla coordinazione motoria, al calcio più giocoso, più ludico”.

Una delle caratteristiche fino a qui vincenti del Trevi è il fatto di aver costruito un’identità che accomuna e coinvolge tutti componenti della rosa. Placidi spiega il suo metodo: “Applico una rotazione pressochè matematica di tutti i ragazzi, chi non parte dall’inizio in una partita quasi sicuramente ci sarà in quella successiva. Ovviamente tutto passa dall’impegno in settimana: la presenza, l’applicazione, il sacrificio”.

Sarà corsa a tre fino alla fine con i mostri sacri Flaminia e Fulginium che inseguono rispettivamente a uno e tre punti. “I ragazzi – racconta Placidi – hanno fatto bene in tutte le partite. La più bella? Lo scontro diretto vinto 1-0 col Flaminia. Vincendo li abbiamo sorpassati in testa, abbiamo costruito tante occasioni e alla fine ricevuto i complimenti degli avversari”.

Ex giocatore, la parabola di Placidi nelle ultime due stagioni sta proseguendo al di fuori del comprensorio comunale. Il suo inizio, invece, è stato così: “Paolo Santarelli è stato colui che mi coinvolto. Mi chiese di dargli una mano con gli Esordienti del Ducato, secondo lui ero adatto a un percorso del genere. Lo devo ringraziare perchè è stata e continua ad essere un’esperienza bellissima”.

 

 

 

 

trevi placidi2


Commenti


Contatti

Redazione: info@spoletosport.it

Telefono: 347 2412179

Spoletosport su Facebook

Editore

Associazione Anteprima

Via Nursina, 32 - 06049 Spoleto (PG)

P.IVA 02616290546

Farmacia di turno & Meteo

Farmacia di turno: Farmacia MarcheseVia Filippo Brignone, 7 - 06049 Spoleto (PG)

[ywsc]