Menu sport


di CATERINA SABATUCCI - La giovanissima ginnasta spoletina Agnese Duranti, recente Campionessa del mondo di ginnastica ritmica, ritornata da poco a Desio dopo un breve periodo di vacanza nella sua città con le amiche di sempre de La Fenice, ci racconta qualche curiosità sulla sua vita nella Nazionale Italiana.

Ti saresti mai immaginata di diventare Campionessa del Mondo?
“Quando ero piccola guardavo sempre Andreea Stefanescu e tutti i suoi grandiosi risultati, l’ho sempre seguita ed era il mio idolo, vedevo che partecipava a gare molto importanti come il Mondiale e sognavo di poter partecipare anche io a queste gare, ma credo sia il sogno di ogni atleta. Ovviamente c’è stato tantissimo lavoro dietro a questa medaglia e il risultato non è mai scontato, come abbiamo visto in qualifica del Mondiale di quest’anno. Quindi no, non mi sarei mai immaginata di diventare campionessa del mondo, anche se era il mio sogno da quando ho iniziato a praticare questo sport.”

Quale è la giornata tipo di una campionessa del mondo?
Mi sveglio alle sette e un quarto in hotel, alle otto mi reco dall’albergo alla palestra per iniziare l’allenamento alle otto e un quarto. Prima di tutto facciamo riscaldamento, poi un’ora e mezza di danza e infine prendiamo il primo attrezzo. Finiamo all’una e mezza, andiamo a pranzo e ricominciamo quasi subito, dalle due e mezza fino alle sei. Dalle sei alle otto vado a scuola, dopo ceno e torno in camera a studiare e a riposarmi.”

Come funziona la scuola che frequenti?
“Frequento una scuola privata, faccio due ore al giorno, tranne il mercoledì che solitamente abbiamo il pomeriggio libero e ne faccio cinque. I professori vengono a farci lezione in hotel,  alterniamo le materie tutti i giorni e frequento il Liceo delle Scienze Umane.”

Come è stato lasciare a soli tredici anni la tua famiglia, i tuoi amici e la tua città?
“Dato che ero molto piccola non è stato facile, soprattutto lasciare la famiglia, mia sorella e tutti gli amici con cui avevo legato a scuola e in palestra, però è stata una scelta davvero molto importante e volevo seguire il mio sogno.”

Cosa ti manca di più della tua città?
“Sicuramente mi manca la famiglia anche se è già il quarto anno che vivo fuori casa e mi sono abituata alla distanza, però rivederli mi fa sempre tanto piacere. Sicuramente anche i miei amici, ma sono sempre in contatto con loro, è una mancanza relativa che nei momenti difficili si fa sempre sentire.”

Cosa ti aspetti dalla tua carriera sportiva?
“Per ora proseguirò il mio lavoro nella Squadra Nazionale, sperando di confermare questi ottimi risultati e di arrivare alle Olimpiadi di Tokyo 2020 che è il nostro obiettivo principale, ma la strada è ancora lunga e c’è ancora tanto da lavorare.”

Ti aspetti di lavorare nell’ambito della ginnastica ritmica in futuro?
“Mi piacerebbe molto continuare, magari diventando un’allenatrice. Un’altra alternativa potrebbe essere anche quella di riprendere gli studi, magari frequentare un’Università e continuare a studiare, ma sono molto indecisa su quello che farò.”

Quali gare avete in programma per questo nuovo anno sportivo?
“Per ora sappiamo solamente che parteciperemo alla World Cup di Pesaro dal 13 al 15 aprile, agli Europei a Valladolid, in Spagna, dall’1 al 3 giugno e ai Mondiali a Sofia a metà settembre.”

AGNESEDURANTI1


Commenti


Contatti

Redazione: info@spoletosport.it

Telefono: 347 2412179

Spoletosport su Facebook

Editore

Associazione Anteprima

Via Nursina, 32 - 06049 Spoleto (PG)

P.IVA 02616290546

Farmacia di turno & Meteo

Farmacia di turno: Farmacia MarcheseVia Filippo Brignone, 7 - 06049 Spoleto (PG)

[ywsc]