Menu sport


Di Roberto Mattia (www.folignosport.it) – Cantano “La capolista se ne va” i tifosi bianco-azzurri. Con la (sofferta) vittoria sulla Ducato, la più diretta inseguitrice, per 1-0 il Foligno fortifica la propria leadership nel girone B di Promozione, portandosi a +7 proprio sulla compagine spoletina e rimanendo a punteggio pieno dopo 8 gare. In più, la porta di Roani rimane ancora vergine: sono 773’ (recuperi compresi) i minuti di imbattibilità del giovane estremo difensore bianco-azzurro. Una squadra che viaggia a vele spiegate, ma che ha avuto il sul bel da fare per piegare la formazione di Fausto Ricci. La Ducato, in ottima condizione, incassa la sua prima sconfitta stagionale ma esce dal “Blasone” a testa alta. Il Foligno infatti ha affrontato un avversario determinato e ben messo in campo: i Falchi (più di un giocatore alle prese con qualche acciacco in settimana, questo va detto) hanno saputo però stringere i denti e condurre in porto una vittoria molto importante. Gli ospiti hanno iniziato meglio e già al 2’ hanno reclamato un rigore per un intervento di Petterini in scivolata su Kola lanciato a rete: per Pinti il tocco è sul pallone; poco dopo (6’) ancora Kola in penetrazione viene a contatto con Petterini, ma stavolta il direttore di gara estrae il giallo per simulazione. In mezzo si era fatto vivo anche il Foligno: spiovente di Pagliarini dalla corsia mancina, batti e ribatti in area piccola e Braccalenti sottomisura alza troppo la mira (5’). La Ducato fa densità e, con l’arma dell’aggressività, non permette al Foligno, che piano piano comunque cresce, la consueta fluidità di manovra. È un po’ come una partita a scacchi: si aspetta che l’avversario faccia il primo errore. E sono i bianco-azzurri a trovare l’acuto giusto al 32’: lo spunto di Cascianelli che sguscia via in mezzo a due avversari è bellissimo; l’ex Todi mette dal fondo sul piede di Braccalenti che stoppa ed è diabolico nell’aggiustare la mira con il piattone sinistro dove Cimarelli non può arrivare (1-0). Foligno quindi che mette il muso avanti in una sfida difficile, soprattutto nel secondo tempo. Gli uomini di Armillei nella ripresa abbassano forse troppo il raggio d’azione, non riescono a ripartire come vorrebbero e la Ducato si gioca il tutto per tutto. Al 13’ è lenta ma angolata una punizione dai 25 metri di Kola che Roani disinnesca in angolo. Ben più pericolosi invece gli spoletini al 16’: Kola batte veloce un calcio piazzato e manda Pontani sul filo del fuorigioco davanti alla porta, ma ancora Roani con un superbo intervento di piede salva tutto. Nuovamente Kola (24’) proverà la via del pareggio con un’incursione dal lato destro dell’area, ma Roani chiude ottimamente in angolo. Negli ultimi minuti il Foligno serra i ranghi (Armillei varerà anche la difesa a cinque) e riesce a contenere la pressione ospite, conquistando altri tre punti. Forse i più sudati fino ad ora. Queste le dichiarazioni del Direttore Sportivo del Foligno Michele Cuccagna al termine del match: «Affrontavamo una squadra attrezzatissima e sapevamo di poter soffrire. Sono molto contento: abbiamo sbloccato con una giocata individuale e i ragazzi hanno tenuto fino all’ultimo minuto e gli va dato il merito. Chiunque gioca è all’altezza della situazione. Loro sono partiti molto bene, ma nel primo tempo il pallino del gioco, per 35 minuti, lo abbiamo avuto noi, al di là del gol. Nella ripresa la Ducato hanno dato tutto: stanno benissimo fisicamente ed hanno corso tantissimo. Ma chi vince dimostra di essere più bravo».

———————————————-

QUI SPOLETO di Stefano Gobbi

Per registrare le reazioni in casa Ducato. Poche per la verità. La sconfitta si digerisce male anche se i giudizi sono unanimi nel considerare buona la prova della Ducato che ha perso sicuramente una battaglia ma non la guerra.

I commenti più gettonati: Risultato un po’ bugiardo per quanto ha offerto il campo, forse un pareggio sarebbe stato più giusto” e sulle azioni dei rigori reclamati “3 pt bell’azione dalla Ducato con Fedeli che manda in profondità Kola che entra in area e viene atterrato da Petterini ma l’arbitro non se la sente e non concede il calcio di rigore (ma il calcio d’angolo ndr)” e il secondo penalty reclamato “6 pt altro preciso passaggio per Kola che viene nuovamente atterrato ma anche in questo caso il Sig. Pinti non concede il penalty anzi ammonisce l’attaccante ospite”

Non contestiamo l’arbitraggio di Pinti a cui qualche giudizio però assegna una sonora insufficienza. Peccato per queste polemiche il designatore avrebbe fatto bene (e si sarebbe salvato) chiamando (come fatto l’anno scorso per Orvietana – Cannara) un Cai Scambi. Da martedì si penserà di nuovo al campionato senza polemiche?

——————————–

FOLIGNO – DUCATO 1-0 (1-0)

FOLIGNO: Roani, Ziarelli, Pagliarini, Salvucci, Petterini, Baldoni, Gjinaj (38’ st Bucciarelli), Agostini, Braccalenti, Cavitolo (26’ st Gentili), Cascianelli (24’ st Toma). A disp.: Traballoni, Montanari, Riommi, Giabbecucci. All.: Armillei.

DUCATO: Cimarelli, Sbardellati (11’ st Pontani), Pazzogna, Quaglietti (44’ st Ammenti), Arcangeli, Raspa (27’ st Settimi), Moretti (30’ st Falzone), Piantoni, Kola, Fedeli, Paci (27’ st Stella). A disp.: Mariani, Allegrini. All.: Ricci.

ARBITRO: Pinti di Perugia (Polidori di Perugia – Liti di Perugia)

RETE: 32’ pt Braccalenti (F)

NOTE: spettatori 600 circa. Ammoniti: Kola (D), Ziarelli (F), Arcangeli (D). Angoli: 3-8. Recupero: 1’ pt e 4’ st.



Gallery

PROMOZIONE B: tra Foligno e Ducato (1-0) alcuni (di)PINTI di troppo
ducatofoligno

Commenti


Contatti

Redazione: info@spoletosport.it

Telefono: 347 2412179

Spoletosport su Facebook

Editore

Associazione Anteprima

Via Nursina, 32 - 06049 Spoleto (PG)

P.IVA 02616290546

Farmacia di turno & Meteo

Farmacia di turno: Farmacia Comunale 1Via Loreto, 8 - 06049 Spoleto (PG)

[ywsc]