Menu sport


DI STEFANO GOBBI - La qualificazione al turno successivo in Coppa è stata accolta a Campello con grande soddisfazione ma anche (come tradizione bianco azzurra) senza eccessive esaltazioni. Il Ds Fabrizio Rossi ha costruito una buona squadra che adesso il tecnico Mattia Canzi sta modellando su buoni standard di rendimento verso le alte vette del girone B di Promozione. La Clitunno con la sua impresa di eliminare il Foligno dalla Coppa ha certamente dimostrato di possedere un buon organico e di poter fare bene in campionato.

Simile in casa Ducato: una qualificazione meritata, a punteggio pieno, mostrando solidità e compattezza tra i reparti. La squadra di S. Giacomo ha colto il risultato positivo che desiderava contro un buon Montefranco grazie anche ad una reazione vigorosa al vantaggio iniziale degli ospiti e ad un carattere quasi inaspettato per calciatori abituati a duellare spesso di fioretto. La squadra sembra pronta ad affrontare i cimenti di una stagione difficile.

A pochi giorni dall’inizio del torneo di Promozione girone B facciamo un bilancio sia con Mattia Canzi tecnico della Clitunno che Fausto Ricci trainer della Ducato Calcio. Abbiamo rivolto ad entrambi le stesse domande e quel che segue conferma un alto grado di maturità tecnico – agonistica raggiunta dalle due formazioni: Clitunno e Ducato.

D) – Il calcio d’agosto si dice non sia veritiero eppure il girone di Coppa vinto ha portato utili indicazioni alle due squadre. Cosa pensate sia già acquisito e memorizzato e cosa invece va ancora verificato nelle vostre squadre?

Canzi- “La conquista del passaggio turno sicuramente dà morale per l’inizio del campionato. L’indicazione positiva l’ho avuta sull’atteggiamento e lo spirito della squadra. Abbiamo affrontato queste prime partite con la giusta mentalità. Poi ovviamente c’è ancora da registrare bene gli ingranaggi, ma questo lo perfezioneremo con il tempo e con il lavoro”.

Ricci – “il calcio in agosto ancora non è molto veritiero secondo me, però nel nostro caso e nella nostra squadra, si comincia a vedere qualcosa di interessante, specialmente nella coesione del gruppo giovani – anziani che è molto importante! Si sta iniziando un ciclo dove il nostro staff sta cercando di  insegnare alla squadra il “culto del lavoro ” cosa che viene prima di tutto”. 

D) – Domenica scorsa le due squadre hanno disputato dei buoni incontri. Che campionato vi augurate per le squadre che allenate?

Canzi- “Mi auguro che la Clitunno 2017/2018 sia una squadra propositiva. Abbiamo intrapreso un’idea di gioco e vogliamo portarla avanti anche in questa stagione”.

Ha ragione da vendere Mattia Canzi. In questi ultimi anni la squadra è stata una stagione tra le migliori difese della Promozione e in un’altra è riuscita a centrare l’obiettivo di essere tra le squadre più prolifiche.

Ricci – “contro il Montefranco secondo me abbiamo fatto una buona gara, siamo partiti un po’ molli. Abbiamo preso subito goal, ma poi abbiamo recuperato e nell’arco dei 90 minuti abbiamo vinto meritatamente contro una squadra molto buona e ben allenata. Non abbiamo rischiato nulla e siamo stati sempre convinti di poter far nostro il match. Poi il goal e” venuto da un giocatore, Piantoni, che rispecchia molto il mio pensiero di calcio fatto di lavoro e carattere! Credo che la parola carattere sia molto importante per il Ducato calcio, la grande quantità al servizio della qualità e viceversa”.

D) – Cosa ci dobbiamo aspettarci da Clitunno e Ducato ancora prove, esperimenti oppure da domenica si parte a tutta?

Canzi- “Beh, ormai il tempo degli esperimenti è finito. Da domenica inizia il campionato e tutte le squadre saranno pronte a dare battaglia in modo ancora più agguerrito.

Ricci – “sinceramente di esperimenti ne abbiamo fatti pochi, ho cercato nelle 3 partite di Coppa di mettere sempre in campo squadre, dove 7/8 undicesimi erano sempre gli stessi. Abbiamo cambiato molto rispetto allo scorso anno: 5 o 6 giocatori. Nei miei pensieri quindi era prioritario trovare subito la coesione tra i ‘vecchi’ e i ‘nuovi’. Quindi da domenica si parte a tutta su un campo molto difficile come quello di Cascia”.

D) – Foligno out dalla Coppa. Ducato e Clitunno dentro. È la rivincita del calcio spoletino che con 4 formazioni su 9 approda ai quarti di Coppa? (anche Superga 48 e La Castellana)

Canzi- “Il calcio spoletino è un calcio di tradizione. Questo doppio passaggio turno della Clitunno e Ducato è un piacevole messaggio a chi pensa che ormai il calcio si può fare solo in determinate piazze”.

La vena polemica c’è e traspare ma è soft in linea con il carattere del tecnico abituato a lavorare sodo e ad avere i risultati che contano non dai dibattiti ma dal rettangolo verde.

Ricci – “Il Foligno fuori al primo turno di Coppa certo fa sensazione. La Clitunno sta facendo molto bene. Ripeto quanto detto in altre interviste: “è un gruppo che lavora insieme da qualche anno e, quindi, sarà protagonista anche in campionato! Beh poi anche noi siamo stati promossi ai quarti e questo è un bene sicuramente per l’ambiente spoletino visto che pure lo Spoleto è uscito al primo turno”.

Ducato e Clitunno promosse. È la rivincita delle piccole squadre contro formazioni dai passati blasonati: è il calcio che cambia e forse non ce ne stiamo accorgendo.

D) – Inizia il campionato e quest’anno sarà veramente difficile. Ci sono formazioni capaci di lottare per il primato e anche il Foligno ha mostrato di essere più umano anche se rimane la squadra da battere. Cosa pensate di questo girone B anche alla luce dei risultati di coppa?

Canzi- “Come dico sempre ai miei ragazzi spero che la Clitunno abbia la consapevolezza di potersela giocare su qualsiasi campo. Il nostro campionato dipende da questo. Dobbiamo avere la giusta maturità se vogliamo entrare nella lotta d’alta classifica”.

Ricci – questo girone è molto interessante con squadre che si daranno battaglia dal primo giorno. Chiaramente il Foligno, che ho visto in un paio di occasioni, partirà favorita, ma nel calcio per fortuna non c’è nulla di scontato e quindi anche altre squadre secondo me diranno la propria, come noi della Ducato o la Clitunno o anche la Nuova Gualdo Bastardo, ecc ecc”.

D) – Domenica prossima nella prima di campionato si ripeterà Clitunno – Viole partita già vista in Coppa come Cascia – Ducato. Che partite saranno?

Canzi- “Certamente sarà una gara diversa. Troveremo una neo promossa al debutto assoluto in Promozione che sicuramente avrà entusiasmo e voglia di fare. Da domenica ogni partita sarà complicata, ed è proprio questo il bello del girone B di promozione”, dove (aggiungiamo) per il tecnico campellino “si farà fatica non a trovare chi lotta per il primato quanto chi lotterà per non retrocedere”.

Ricci – la prima partita di campionato ha sempre un fascino particolare. Ci sarà tensione, chiaramente la Coppa è Coppa, il Campionato è il Campionato e la partita del 10 settembre la dovremmo preparare al meglio, recuperando forze ed energie e tutti gli effettivi a disposizione”.

Clitunno e Ducato (in stretto ordine alfabetico) hanno descritto le proprie chance nel campionato di Promozione che va ad iniziare a noi il compito di tifare due squadre che stanno portando in alto il calcio spoletino nei campionati regionali.

riccicanzi


Commenti


Contatti

Redazione: info@spoletosport.it

Telefono: 347 2412179

Spoletosport su Facebook

Editore

Associazione Anteprima

Via Nursina, 32 - 06049 Spoleto (PG)

P.IVA 02616290546

Farmacia di turno & Meteo

Farmacia di turno: Farmacia MarcheseVia Filippo Brignone, 7 - 06049 Spoleto (PG)

[ywsc]