Menu sport


(di Stefano Gobbi) – Nella fornace del Conte Ròvero una Clitunno attenta supera di misura un Foligno volitivo che parte bene ma poi nel momento decisivo della gara, smarrisce il bandolo del gioco, si allunga, soprattutto tra centrocampo ed attacco e cade nel tranello teso da Mattia Canzi che colpisce in contropiede. Prima del colpo del ko al 38’st la Clitunnno fino ad allora ordinata in difesa ma incapace di creare pericoli a Roani, vola con Candelori in contropiede. Sembra fatta ma è immenso l’intervento di Petterni che sradica dai piedi dell’ex falchetto la palla e da inizio alla manovra offensiva. Petterini tarda a lanciare la palla, arriva poco oltre il centrocampo e si fa soffiare la sfera da Calamita lasciando un buco gigantesco in difesa. Calamita lancia immediatamente Alessio Conti. Il 98’ di Canzi (anche lui ex-Foligno) si fa 50 metri di campo e batte Roani nell’angolo basso sinistro. La palla tocca il palo e s’infila in rete. Un peccato di presunzione pagato a caro prezzo per il centrale difensivo folignate fino allora semplicemente perfetto.

È caldissimo al Conte Ròvero. Si fa fatica a capire il perché il calcio debba pagare un prezzo così ‘caldo’ per via di una stagione che fatica a trovare spazi per far disputare le gare nei mesi più freddi.

Si inizia con 37 gradi all’ombra, sul prato di più. Merito ai 22 in campo per avere corso a perdifiato. Foligno subito pericoloso dopo 48” secondi con Gjinaj che mette in rete di testa un cross di Cavitolo. Capicci (ottima la sua prova come tutta la terna) segnala l’offside. Al 6’ ha del miracoloso la parata di Spiccia. Prima respinge un tiro di Gjinaj, poi ritornando in porta alza sulla traversa con un balzo la conclusione a colpo sicuro di Toma. Al 39’ è ancora Cavitolo sulla sinistra che crossa per Agostini che in mischia di testa manda la sfera a sfiorare il palo lontano. Il duello sulla fascia sinistra tra Cavitolo e Baronci è di quelli Tosti. Entrambi lasciano all’avversario spazio per giocare e i pericoli vengono proprio dai due giocatori. Così Baronci con due cross scalda i muscoli di Petterini e Acciarresi. Al 46’ Gjinaj con un dribbling a rientrare supera Rosi, crossa, Spiccia respinge e Pascolini (partita da incorniciare) respinge.

La ripresa vede all’8’ un gran tiro di Gjinaj dal limite con Spiccia che vola alla sua sinistra per deviare in angolo. Poi il Foligno pur mantenendo il predominio delle azioni si allunga. Le punte rimangono troppo alte e i passaggi di 40 metri dalle retrovie fanno il gioco della difesa di casa. Al 39’ il gol poi l’inutile assalto finale del Foligno. La Promozione (anche se in coppa) inizia col botto.

Negli spogliatoi Armillei tecnico del Foligno: “Quando arriva una sconfitta c’è sempre amarezza. Sicuramente non abbiamo fatto una buona partita, ma non meritavamo di perdere. Qualcosina abbiamo creato, mentre la Clitunno ha fatto poco. Quando le partite non si possono vincere, almeno non si devono perdere. Come detto, non abbiamo fatto una bella prestazione, non siamo riusciti a concretizzare e siamo stati puniti. In Promozione troveremo realtà di questo tipo, ben chiuse dietro e che non ti lasciano giocare: non sarà facile. Dobbiamo migliorare nel muoverci senza palla e ad avere pazienza. Non è successo niente, continuiamo a lavorare come stiamo facendo: la squadra ha grossi valori e sono certo che farà un campionato di vertice».

Risponde Mattia Canzi che da la sua chiave di lettura sulla vittoria della sua squadra: “La Clitunno nn si è scomposta durante la grande pressione del primo tempo da parte del Foligno.(soprattutto sotto un sole cocente) Poi quando I ritmi sono calati siamo riusciti a ripartire meglio con i maggiori spazi concessi dal Foligno e abbiamo capitalizzato al meglio le occasioni avute…”.

Una battuta al volo ce la da anche Emanuele Pascolini ritornato a Campello e autore di una partita perfetta: “Tornare così dopo 7 anni è stata una bella sensazione”.

CLITUNNO – FOLIGNO 1-0 (0-0) – angoli 1-7 (1-3) – recuperi: 3’ e 5’

CLITUNNO (4-3-3): Spiccia 7; Baronci 6,5, Pascolini 7, Rosi 6, Cuna 6,5; L. Cavadenti 6,5, Batti 6,5, G, Cavadenti 6 (20’st De Rosa 6); Candelori 6,5 (42’st Celesti sv), Calamita 6,5, Capoccia 6 (10’st Conti 7). A disp.: Napoli, Trabalza, S. Rossi, Antonini. All.: Mattia Canzi 7

FOLIGNO (4-3-1-2): Roani sv; Ziarelli 6, Acciarresi 6, Petterini 6, Pagliarini 6; Biviglia 6,5 (20’st Iacchettini 6), Agostini 6,5 (40’st Gentili sv), Cavitolo 7; Toma 6,5 (1’st Salvucci 6,5); Braccalenti 6, Gjinaj 6,5. A disp.: Traballoni, Bocciolini, Giabbeccucci, Bucciarelli. All.: Antonio Armillei 6,5

ARBITRO: Andrea Castrica di Terni 7 (Lorenzo Capicci e Federico Pragliola di Terni)

RETE: 39’st Alessio Conti

NOTE – ammoniti: Batti, De Rosa, Braccalenti

alessio conti


Gallery

clitunno-foligno 1-0 2017-18
alessio conti

Commenti


Contatti

Redazione: info@spoletosport.it

Telefono: 347 2412179

Spoletosport su Facebook

Editore

Associazione Anteprima

Via Nursina, 32 - 06049 Spoleto (PG)

P.IVA 02616290546

Farmacia di turno & Meteo

Farmacia di turno: Farmacia BettiViale Trento e Trieste, 63 - 06049 Spoleto (PG)

[ywsc]