Menu sport


L’Atomika Badiali Cashmere tiene testa alla capolista ma alla fine deve arrendersi. Altra prestazione positiva ma beffarda per i bianconeri che al PalaRota cedono il passo alla Virtus al termine di una partita giocata ad altissimo ritmo.

Dentro strappi, intensità e belle giocate con gli ospiti che nella ripresa trovano il modo di tirare l’inerzia a loro favore. Nel primo tempo invece è la truppa di Bisceglia e Bernelli, ambedue costretti a guidare la squadra dalla tribunetta causa squalifica, a dettare le regole del gioco. Tra i bianconeri, inoltre, non c’è neanche il centrone Scafaro, fermato per un turno dal giudice sportivo, ma l’approccio è quello giusto e produce effetti positivi. Di Titta ha più minuti da lungo e inizia a segnare al pari di Battiloro che spara praticamente tutti i suoi punti nei primi due quarti. All’inizio del secondo l’Atomika tocca anche il + 9 salvo poi farsi rintuzzare in meno di 2′ complice una serie di perse banali su cui la Virtus capitalizza in contropiede. Parretta è a lavoro, l’ex Capezzali qui si tira dietro i suoi e su un antisportivo a metà campo fischiato contro la squadra di Piazza fa bottino pieno in lunetta chiudendo avanti di 1 un primo tempo a punteggio alto (41-42).

Verdetto rimandato alla ripresa che comincia nel segno degli ospiti. Il pressing esteso proposto da Piazza è pieno di insidie, l’Atomika regge con due stoppate in fila di Di Titta e poi rompe il ghiaccio col rimbalzo d’attacco di Battiloro dopo 3′ (43-45). Daniele Luzzi entra e ruba impattando in contropiede, Matteo Luzzi fa altrettanto con un piazzato che per un soffio non è da tre (47-47 al 26′) ma Capezzali in transizione strappa di nuovo (47-53). Un avvicinamento di voglia di capitan Luzzi accorcia ma Assisi forza nell’ultimo minuto con una bomba di Balani e la trovata sulla sirena di Parretta (51-59 al 30′).

Il quarto periodo poi comincia malissimo perchè altre due bombe micidiali in fila spediscono i bianconeri a – 15 in un amen (51-66). Un gioco a due Sartini-Di Titta, chiuso col 2+1 dall’airone, risponde subito e l’Atomika prova a rifarsi sotto. La spinta adesso viene da Ceccaroni che inizia una gran fiammata chiudendo un altro gioco da tre punti dopo la stoppata di Boccacci. A seguire un altro recupero propizia l’affondo di Di Titta che dalla punta attacca con decisione e chiude dopo il giro sul perno dalla mezza transizione (59-66) e i giochi sono riaperti anche se la Virtus non fa una piega e continua a rispondere. Santantonio spara dall’arco, Parretta inventa un canestro col fallo ma Ceccaroni con due triple siderali e un libero conquistato attaccando presto in contropiede inaugura la volata (66-72 al 36′). Il ritmo adesso è vertiginoso e per aumentarlo ancora Bisceglia si gioca la carta Ferri che fa bottino pieno in lunetta dopo di che la tripla di Di Titta per il potenziale – 3 balla sul ferro uscendo. L’Atomika però insiste. Ferri ruba, regge al contatto probabilmente falloso e non chiude poi è ancora lì a volare via in fuga sul passaggio baseball di Matteo Luzzi originato da una stoppata di Boccacci (70-74 a 1’30” dalla sirena). E’ il minimo svantaggio ma la Virtus lo vanifica con la tripla mortifera dall’angolo di Giovagnoli che di fatto chiude i conti. L’Atomika accusa il colpo, Parretta allunga di nuovo, gli ultimi secondi servono solo a fissare il punteggio.

 

ATOMIKA – VIRTUS 73 – 85 (18-18; 23-24; 10-17; 22-26)

Atomika: M. Luzzi 6, D. Luzzi 3, Ceccaroni 12, Ferri 12, Battiloro 16, Di Titta 16, Sartini 4, Tini 2, Vantaggioli, Boccacci 2. All. Bisceglia

Virtus: Ciancabilla 4, Santantonio, 12, Parretta 22, G. Capezzali, Mariucci, Provvidenza 4, T. Capezzali 14, Battistelli 10, Balani 6, Gambelunghe, Giovagnoli 12. All. Piazza

atomika 2017_18


Commenti


Contatti

Redazione: info@spoletosport.it

Telefono: 347 2412179

Spoletosport su Facebook

Editore

Associazione Anteprima

Via Nursina, 32 - 06049 Spoleto (PG)

P.IVA 02616290546

Farmacia di turno & Meteo

Farmacia di turno: Farmacia ScocciantiVia Guglielmo Marconi, 250 - 06049 Spoleto (PG)

[ywsc]